Elettrostimolazione.

Forse la prima cosa a cui pensi quando senti questo termine è il concetto classico di elettrostimolazione.

Forse pensi a quegli apparecchi usati dagli atleti che contraggono i muscoli grazie all’applicazione di un impulso elettrico al muscolo stesso, con il risultato di aumentare il tono della muscolatura in modo mirato, Ma gli elettrostimolatori non sono solo questo.

In effetti sotto questo termine sono raggruppati apparecchi che usano gli impulsi elettrici in modo diverso con risultati diversi.

Quali sono allora le principali differenze tra elettrostimolatori EMS e TENS, ovvero tra elettrostimolazione muscolare ed elettroterapia antalgica? Scopriamolo!

Elettrostimolatori EMS

Come abbiamo già accennato, gli elettrostimolatori EMS (stimolazione elettrica muscolare) permettono di ottenere contrazioni muscolari grazie  all’applicazione di elettrodi applicati sul muscolo. L’elettrostimolazione muscolare può essere utilizzata come complemento nell’attività sportiva perché aumenta forza e resistenza, ma trova applicazione anche in campo estetico grazie ai suoi effetti di drenaggio e rassodamento.  L’elettrostimolazione muscolare viene anche usata in fisioterapia come forma di riabilitazione in caso di infortuni.

Elettrostimolazione TENS

L’elettrostimolazione TENS, invece, è utilizzata in fisioterapia con finalità antalgiche, ovvero come terapia del dolore per trattare dolori cronici e acuti anche post operatori o post traumatici.

Questo tipo di elettrostimolazione si divide in convenzionale ed endorfinica.

La TENS convenzionale o rapida agisce direttamente sul sintomo doloroso. Agisce velocemente e induce un blocco del dolore.

La TENS endorfinica o ritardata permette di aumentare la produzione di sostanze che alzano la percezione del dolore e dà effetti antalgici dopo circa 2 ore dalla fine dell’applicazione effettuata.

Dunque riepilogando, se gli impulsi  delle apparecchiature TENS agiscono a livello cutaneo e sui nervi sensori, gli impulsi elettrici degli elettrostimolatori EMS, invece, agiscono direttamente sui muscoli e sui nervi motori.

Per qualsiasi domanda o dubbio in merito non esitare a contattare i nostri esperti, saranno felici di aiutarti!

Lo staff di Carfea Italia

28 febbraio 2019
Magnetoterapia medico osserva raggi x

Magnetoterapia nelle patologie dell’osso

Dolore cronico, fratture che fanno fatica a rinsaldarsi o osteoporosi. Un trattamento che spesso viene consigliato in questi casi è la magnetoterapia. COS’E’ LA MAGNETOTERAPIA? La […]
30 aprile 2018
Dolore e fisioterapia: i tanti rischi della vita sedentaria

Dolore e fisioterapia: i tanti rischi della vita sedentaria

E’ un dato di fatto: la vita sedentaria non fa bene. Lo abbiamo sentito più e più volte, ci viene ripetuto di  continuo e forse lo […]
20 agosto 2017
Fisioterapia significa soprattutto prevenzione

Fisioterapia significa soprattutto prevenzione

Fisioterapia significa soprattutto prevenzione, e  quando parliamo di prevenzione in genere il pensiero va all’infortunio.  Gli infortuni sono eventi traumatici da sempre temuti da ogni atleta, […]
19 luglio 2017
Elettrostimolazione TENS e EMS quali sono le differenze

Elettrostimolazione : differenze tra TENS e EMS

Elettrostimolazione. Forse la prima cosa a cui pensi quando senti questo termine è il concetto classico di elettrostimolazione. Forse pensi a quegli apparecchi usati dagli atleti […]