Sport all'aria aperta da praticare in primavera
Primavera, la stagione degli sport all’aria aperta
31 marzo 2017
Rizoartrosi immagine di copertina
RIZOARTROSI
30 aprile 2017

Gli ultrasuoni danno sollievo alla spalla congelata

Gli ultrasuoni danno sollievo alla spalla congelata

Quella che in gergo medico è chiamata capsulite adesiva è comunemente conosciuta come spalla congelata.

Di che cosa si tratta?

E’ una malattia infiammatoria che colpisce la spalla e che provoca dolore e rigidità che col passare del tempo rendono difficile il movimento dell’articolazione.  Due fasi che si distinguono in questa patologia sono appunto il “congelamento” e la “spalla congelata”

Nella fase di “congelamento” il dolore aumenta progressivamente e poco a poco la spalla perde il movimento, mentre si parla di “spalla congelata” quando anche se i sintomi dolorosi si sono attenuati, l’articolazione rimane rigida, impedendo addirittura lo svolgimento delle normali attività quotidiane.

Quali sono le cause?

La causa della capsulite adesiva non è ad ora pienamente compresa, i ricercatori non hanno ancora scoperto perché colpisca alcune presone piuttosto che altre. I dati indicano però che è più frequente nelle donne in un’età compresa fra i 35 e i 50 anni.

I trattamenti

Generalmente i trattamenti si basano sulla riduzione del dolore e sul recupero della funzionalità dell’articolazione.

Il fisioterapista, ad esempio, può prescrivere al paziente un programma mirato di esercizi di stretching da incorporare anche a terapie fisiche come ad esempio gli ultrasuoni. Gli ultrasuoni hanno infatti un effetto antinfiammatorio e aiutano a ridurre in dolore.

Nei casi, comunque, in cui la fisioterapia e i farmaci anti-infiammatori non allevino i sintomi il medico potrebbe suggerire un eventuale intervento chirurgico.

La terza fase della patologia

E’ la fase detta di “scongelamento”, ovvero la fase di recupero che può essere totale o parziale. Può durare fra i sei mesi e i due anni. Purtroppo come puoi vedere questa patologia ha tempi di recupero lunghi e la diagnosi, e i successivi trattamenti vanno affidati al parere, la visita e la prescrizione del medico.

Ricorda che le informazioni pubblicate nelle nostre news hanno carattere puramente informativo e non sostituiscono in alcun modo i consigli del medico.

A presto

Lo staff di Carfea Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>